L’incontinenza Urinaria Femminile

Problemi del Pavimento Pelvico Chiropratica La Rocca 1

Cos’è?

L’International Continence Society definisce “incontinenza urinaria” qualsiasi perdita involontaria di urina.

Le perdite possono essere motivo di imbarazzo e disagio, poiché si teme che l’odore o le vesti bagnate possano essere percepite dalle persone presenti.

Questa condizione porta le donne a cambiare le loro abitudini di vita: indossano ogni giorno pannolini assorbenti, non bevono prima di uscire di casa per evitare di dover “cercare un bagno”, arrivano ad uscire poco di casa, a modificare le loro relazioni di coppia, a limitare la vita sociale e le abitudini sportive per timore di trovarsi in situazioni di disagio.

Anche se si ne parla davvero poco, l’incontinenza urinaria è un disturbo molto diffuso nella popolazione femminile!

Ne soffre circa il 20-30% delle donne in età fertile, il 40% delle donne all’arrivo della menopausa, il 50% delle donne anziane.

Quali sono le cause e quali sono i fattori di rischio?

 

Molto spesso l’incontinenza urinaria è causata da un funzionamento non efficiente di organi e muscoli a livello di apparato genitale, apparato urinario, pavimento pelvico o addome. In altri casi l’incontinenza è il sintomo di una malattia del sistema nervoso centrale.

 

Tra i fattori di rischio più comuni troviamo i seguenti:

  • gravidanza
  • parto
  • traumi ostetrici (episiotomia, lacerazioni durante il parto…)
  • sport intenso (per esempio corsa, salto, pallavolo, danza del ventre…)
  • menopausa
  • obesità
  • eta’

Esistono tre tipi di incontinenza urinaria:

 

  1. Incontinenza urinaria da sforzo

E’ la perdita di urina che avviene compiendo uno sforzo fisico, quando per esempio si tossisce o starnutisce, ci si soffia il naso, si salta, si corre, si fanno le scale, si cammina o si sollevano pesi. In tutti questi casi all’interno dell’addome aumenta la pressione e la vescica viene compressa: se i muscoli del pavimento pelvico non chiudono adeguatamente lo sfintere uretrale può allora avvenire una fuoriuscita di urina.

 

  1. Incontinenza urinaria da urgenza

E’ la perdita di urina preceduta o accompagnata dal bisogno non rimandabile di urinare. L’incontinenza di questo tipo è associata ad un’attività eccessiva della vescica, che si contrae per svuotarsi anche quando non è sufficientemente piena, mentre anche qui i muscoli del pavimento pelvico non sono in grado di chiudere lo sfintere uretrale per impedire la fuoriuscita dell’urina.

 

  1. Incontinenza urinaria mista

Comprende entrambe le precedenti situazioni.

Cosa fare?

Innanzitutto è bene parlare del proprio disturbo, richiedendo la consulenza di un medico urologo o ginecologo, oppure di un professionista sanitario come il fisioterapista o l’ostetrica che siano specializzati nella riabilitazione del pavimento pelvico.

 

La riabilitazione costituisce in moltissimi casi un approccio terapeutico efficace, spesso in grado di ridurre notevolmente o addirittura eliminare il problema.

 

Il fisioterapista specializzato in rieducazione del pavimento pelvico valuterà il modo in cui “funziona” una donna a livello genitale ed urinario e imposterà assieme a lei un programma di rieducazione individuale, personalizzato sulle esigenze specifiche di quella donna.

Ogni programma rieducativo seguirà tre fasi:

  1. percezione: la donna viene guidata a percepire la zona pelvica, poiché “sentire” questa parte del corpo è necessario per avviare l’allenamento
  2. allenamento e terapia comportamentale: i muscoli del pavimento pelvico vengono allenati a rilassarsi, a rinforzarsi, ad essere resistenti, ad armonizzarsi col respiro e col movimento dell’addome. L’allenamento viene impostato in studio col professionista ed eseguito a casa per pochi minuti ogni giorno. Il fisioterapista inoltre guiderà la donna nell’acquisizione dei comportamenti minzionali corretti da adottare nella quotidianità.
  3. automatizzazione: è la fase in cui pian piano viene meno la necessità di allenamento, poiché è stato ripristinato e reso automatico il meccanismo della continenza.

Oltre alle sedute individuali, assolutamente indicate per individuare il problema specifico ed avviare la riabilitazione, è possibile consolidare i risultati ottenuti tramite attività di gruppo, quali ad esempio la ginnastica ipopressiva: sarà cura dello specialista indicare ad ogni donna la strada o le strade terapeutiche più utili per lei.

 

A questo punto la donna potrà tornare a vivere con serenità le proprie giornate, senza timore né imbarazzo!

RIPRODUZIONE VIETATA

Fonte: AIFI (Associazione Italiana Fisioterapisti) – Perdite? NO, grazie! L’incontinenza si può risolvere.

Francesca Vignati

Dottoressa in Fisioterapia

Università di Verona

Picture of Chiropratica La Rocca
Chiropratica La Rocca

Studio chiropratico a Verona

L’ernia del disco è una condizione dolorosa che coinvolge la protrusione o la fu…

L’ernia del disco è una condizione dolorosa che coinvolge la protrusione o la fuoriuscita del nucleo polposo del disco intervertebrale, causando compressione dei nervi spinali circostanti. L’adjustment chiropratico, è una tecnica specifica che mira a ripristinare l’allineamento naturale della colonna vertebrale e a ridurre la pressione sui dischi intervertebrali. Attraverso movimenti controllati e precisi, il chiropratico applica una forza graduale per spostare le vertebre nella posizione corretta, riducendo così la compressione sui nervi spinali e alleviando il dolore associato all’ernia del disco. Questo approccio integrato può offrire ai pazienti un’alternativa sicura ed efficace ai trattamenti convenzionali, favorendo una migliore qualità della vita e un recupero più rapido e duraturo. Vuoi anche tu affidarti ad un dottore/dottoressa in chiropratica, visita www.chiropratica.it. #chiropratica #AIC #GaranziaAIC Segui Chiropratica La Rocca su Facebook

Sonno 14

Come dormire a letto?

Ma perché il sonno è così importante?
Tutti i sistemi corporei dipendono da un sonno sufficiente! Quindi, quali sono alcuni dei principali vantaggi di dormire bene la notte?

Recenti statistiche rivelano che una percentuale significativa degli uomini affr…

Recenti statistiche rivelano che una percentuale significativa degli uomini affronta problemi di schiena e articolazioni, con conseguenze che spesso vanno ben oltre il disagio fisico. Il 48% degli uomini tende a credere che tali problemi si risolveranno da soli nel tempo. Tuttavia, la realtà è che per molti, ignorare questi problemi può portare a conseguenze gravi e durature. In effetti, l’18% degli uomini ha dovuto addirittura interrompere il lavoro a causa di problemi legati alle ossa e alle articolazioni. È importante comprendere che i problemi di schiena e articolazioni non sono da sottovalutare. Possono influenzare drasticamente la qualità della vita e la capacità di svolgere attività quotidiane e lavorative in modo efficace. Ignorare il dolore o sperare che si risolva da solo potrebbe peggiorare la situazione nel lungo periodo. Prendersi cura della propria salute scheletrica dovrebbe essere una priorità per tutti gli uomini. Questo non significa solo affrontare i problemi quando si presentano, ma anche adottare un approccio proattivo verso il benessere muscolo-scheletrico. Ciò può includere una varietà di misure preventive, come l’esercizio regolare, il mantenimento di una postura corretta e, quando necessario, la consulenza professionale. Non abbiate paura di chiedere aiuto se avvertite dolore o disagio fisico. Consultate un Dottore o Dottoressa in Chiropratica qualificato/a per valutare la vostra situazione e ricevere un trattamento appropriato. Prendere in mano la vostra salute scheletrica è un passo importante verso una vita più sana, attiva e soddisfacente. #chiropratica #aic #salute #maldischiena Segui Chiropratica La Rocca su Facebook